Illuminare la casa con un controsoffitto con led

controsoffitto-con-led



style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-2190826148863249"
data-ad-slot="6079568055">


Il cartongesso rappresenta la soluzione ideale per realizzare delle strutture all’interno di una casa. La sua praticità, data dalla facilità di taglio e ridefinizione, permette di lavorarlo nella maniera più utile e di adattarlo alla forma e alla dimensione necessaria.

Uno dei principali utilizzi di questo materiale è l’impiego nella realizzazione di controsoffitti.
Un controsoffitto non è altro che un altro soffitto il quale si aggiunge al primo riducendo l’altezza della stanza. Viene generalmente realizzato per coprire un soffitto danneggiato o per creare un’illuminazione particolare: è proprio in questo senso che oggi noi di CostOk andremo a mostrarti alcune idee per la realizzazione di un controsoffitto con led molto in voga negli ambienti moderni.

Il fascino del controsoffitto con le luci

Per valorizzare l’architettura della stanza ed il suo design, la nostra idea è quella di realizzare un controsoffitto di cartongesso in cui inserire dei faretti da incasso a led che, una volta montati, si integrino perfettamente con la struttura realizzata per un risultato suggestivo ed un gioco di luci particolare.

I faretti sono la soluzione ideale per illuminare interni ed esterni e indirizzare il fascio di luce verso il punto desiderato. Le luci per i faretti possono essere:

  • Alogene: hanno una durata doppia rispetto alle vecchie lampadine ad incandescenza;
  • A led: sono luci di nuova generazione ed hanno notevoli vantaggi: si accendono immediatamente, non producono calore, non emettono radiazioni dannose per la pelle, hanno una durata 5 volte superiori a quelle tradizionale, resistono a scosse e ad urti, infine, permettono un risparmio fino all’80% rispetto a quelle ad incandescenza.

Vi sono diverse tipologie di faretti ad incasso con cui potrai realizzare la tua controsoffittatura ideale:

  • in gesso: sono quelli che svaniscono alla vista;
  • in metallo: sono disponibili in diverse forme e colorazioni, ma sono principalmente commercializzati quelli in bianco o in nero;
  • in vetro: sono realizzati in diverse forme (quadrati, rotondi, prismatici). In questo caso, la scelta di colori risulta essere molto ampia con un mix di colori affascinante.

led

Idee per controsoffitti particolari

I controsoffitti in cartongesso sono l’ideale per realizzare un impianto di illuminazione a led con tagli di luce preziosi. Il controsoffitto con led rappresenta una soluzione interessante per arredare i diversi ambienti della casa.

Per quanto riguarda la cucina, i faretti a led possono essere posizionati sopra isole e penisole oppure, scegliendo quelli di forma rettangolare, possiamo installarli nel soffitto e disporli in maniera sistematica così da orientare la luce nei punti prescelti. Questa tipologia di faretti possono essere utilizzati anche nei corridoi dove in genere vi è l’alternanza di luci provenienti dagli altri ambienti della casa. In tal modo, si illuminerà anche il corridoio in modo diretto grazie alla luce dai faretti led installati.

Un’idea di un controsoffitto particolare potrebbe essere quella di utilizzare i faretti a led rotondi o i faretti in grado di muoversi grazie ai quali proiettano la luce in un punto specifico della tua abitazione in tal modo viene messo in risalto un elemento o una parte della tua casa.
È possibile illuminare con dei faretti ad incasso anche un controsoffitto realizzato in legno, installando i faretti direttamente nelle travi del soffitto. Un’idea particolare sarebbe quella di inserire più faretti piccoli vicino per ricreare l’effetto di un cielo stellato.
Infine, anche nei bagni si possono ottenere giochi di luce davvero accattivanti posizionandoli in direzione delle docce o vasche idromassaggio.

Come creare un controsoffitto a led con il fai da te

Per realizzare un controsoffitto a led fai da te è necessario innanzitutto acquistare i materiali necessari:

  • profili;
  • pannelli;
  • viti;
  • stucco;
  • garza per cartongesso.

Oltre ai materiali, bisogna ovviamente dotarsi dei seguenti attrezzi:

  • trapano avvitatore;
  • matita;
  • compasso;
  • carter;
  • isolante;
  • pittura;
  • luci led.

Di seguito, ecco i passaggi da seguire:

  1. Dopo aver fissato con viti le aste di alluminio ai quattro angoli della stanza nella quale intendiamo sistemare il controsoffitto, si può procedere con l’applicazione dei pannelli in cartongesso.
    Per facilitarti e velocizzare il lavoro di fissaggio è possibile utilizzare un trapano avvitatore e scegliere dei pannelli in cartongesso che misurano 120×200 centimetri con uno spessore di 10 millimetri. È possibile velocizzare le operazioni di montaggio utilizzando un trapano avvitatore.
  2. Inizia dall’angolo della stanza dove si posa il primo pannello, successivamente affianca gli altri pannelli. È inoltre importante ricordare che al centro della stanza, in corrispondenza del gancio del lampadario, deve fuoriuscire un filo elettrico che servirà per agganciare nuovamente la fonte luminosa.
  3. Ultimata la posa di tutti i pannelli in cartongesso sull’intelaiatura di alluminio, si procede con un ulteriore fissaggio di viti su più punti in modo da ancorare perfettamente i pannelli alla struttura metallica. A questo punto, per coprire le giunture, non resta che utilizzare la garza per cartongesso e procedere con lo stucco di quest’ultima.
  4. Successivamente devono essere forati e applicati sul pannello i faretti led da te scelti. Per realizzare il foro bisogna segnare con una matita il centro della circonferenza in cui puntare il compasso, a questo punto prendere il carter e tagliare il cartongesso.
  5. Infine, ricordati di rifinire il controsoffitto fai da te con una passata di isolante pitturando i pannelli con un colore che starà bene con l’arredamento della camera.

Se non si è pratici ed esperti nella lavorazione del cartongesso e nell’installazione dei pannellini, ci si può rivolgere ad un professionista che garantirà oltre alla bellezza anche la messa in sicurezza del tutto.

© immagini:
pixabay.com
graphicstock.com
google.it

GUARDA ANCHE: