Bonus condominiali: tutte le novità

lavori condominiali

I condomini che hanno necessità di ristrutturazione possono usufruire di diversi bonus. Innanzitutto, grazie al decreto rilancio del 2020 è stato previsto per i condomini il cosiddetto super bonus 110%. Si tratta di una detrazione fiscale a cui è possibile accedere soltanto rispettando determinate condizioni. Tale bonus, infatti, può essere sfruttato solo da privati e non dalle attività commerciali e vale sia per le abitazioni unifamiliari che per le sistemazioni in condominio.

Il super bonus 110% prevede un rimborso spesa che sarà dato in un arco temporale di 5 anni. Oltre a questo bonus sono previste altre agevolazioni per i condomini che vale la pena scoprire.

Super bonus 110%

La più importante novità del 2020 riguarda il super bonus del 110% applicabile sia alle persone fisiche che alle associazioni ed ai condomini. Per usufruire di questa agevolazione si hanno due opzioni:

  1. Chiedere la detrazione fiscale in 5 anni;
  2. Richiedere la cessione del credito che consiste nel chiedere all’impresa che effettua i lavori di applicare il cosiddetto “sconto in fattura”. In pratica, la ditta anticipa il denaro diventando di fatto un creditore nei confronti dello stato. A sua volta, questo può cedere il suo credito a terzi come enti o banche.

 

Secondo l’articolo 128 del decreto rilancio, si può ottenere il super bonus solo per interventi di edilizia pesanti, quindi, per misure che apportano un rinnovamento dell’edificio.  Una condizione importante di questo bonus è che l’immobile deve essere registrato come prima casa; se si ha una seconda casa, ad esempio una casa al mare, quest’ultima non rientra all’interno dell’agevolazione. Invece, se la seconda casa si trova all’interno di un condominio è possibile usufruire del super bonus 110% ma bisogna che vi sia il consenso unanime dei condomini per iniziare i lavori.

Le tempistiche del super bonus 110%

Per usufruire dei vantaggi del super bonus le opere devono essere realizzate tra luglio 2020 e dicembre 2021; si hanno 18 mesi di tempo per utilizzare questo bonus e dicembre 2021 rappresenta il termine ultimo per completare e pagare i lavori. Tutto quello che si pagherà successivamente non rientrerà all’interno dell’agevolazione. Nel caso in cui, i lavori siano già iniziati e rientrino tra quelli previsti dal super bonus 110%, potrai detrarli dal 1° luglio.

Come funziona il super bonus 110%

Per poter usufruire del super bonus del 110%i lavori devono riguardare:

  1. Interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo. In questo caso vale sia per condominio e sia per le abitazioni unifamiliari;
  2. Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di riscaldamento esistenti con impianti centralizzati a condensazione, a pompa di calore, ibridi, geotermici;
  3. Interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di riscaldamento esistenti con impianti a pompa di calore, ibridi e geotermici.

 

Altre tipologie di lavoro come impianti fotovoltaici, pannelli solari, infissi, schermature solari e colonnine di ricarica per vetture elettriche devono essere necessariamente abbinati ad uno dei tre interventi principali detti precedentemente. In tutti i casi è comunque necessario che i lavori apportino un miglioramento di due classi energetiche all’edificio oppure di una soltanto se, tecnicamente, non è possibile fare di meglio.

Eco bonus condomini

In vigore fino a 2021 sono gli ecobonus per i condomini. Questa novità riguarda soprattutto l’efficienza energetica. Ecco in allegato le principali detrazioni previste per chi vive in condominio:

  • 65%: si tratta di un’agevolazione per lavori condominiali che riguardano la sostituzione di parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di riscaldamento esistenti con impianti centralizzati a condensazione, a pompa di calore, ibridi, geotermici;
  • 70%: se i lavori riguardano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25%. La detrazione ammonta al 75% qualora, invece, si abbia un miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva;

 

Per ogni unità immobiliare è previsto un limite di spesa detraibile di 40.000 euro.

Altre agevolazioni per i condomini: Sisma bonus

Oltre ai lavori di efficientamento energetico esiste un bonus per il miglioramento sismico dei condomini. La detrazione Irpef è diversa a seconda delle classi energetiche:

  • 1 classe di rischio immediatamente inferiore: lo sconto Irpef è dell’80%;
  • 2 classe di rischio inferiore: lo sconto Irpef è dell’85% delle spese sostenute.

Agevolazioni del 50%

Anche per i lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria e per il restauro delle parti comuni e la sostituzione degli infissi sono previste agevolazioni fiscali. Nei condomini, quindi, si può richiedere l’agevolazione del 50% con un limite massimo di 96.000 euro.

  • La legge di Bilancio del 2020 prevede una detrazione del 90% per il recupero di facciate nei condomini.