Cosa sapere per insonorizzare correttamente una stanza

insonorizzata



style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-2190826148863249"
data-ad-slot="6079568055">

Spesso siamo investiti dai rumori indesiderati che riducono la quiete o la privacy nella nostra abitazione. In questo caso, la soluzione migliore per ottenere un effetto antirumore è quella di insonorizzare una stanza.

Le ragioni che possono spingerti a ricorrere a questa scelta sono principalmente due:

  • Non essere disturbati da rumore che provengono dall’appartamento vicino;
  • Evitare di far trapelare il rumore all’esterno della tua stanza semplicemente perché hai deciso di creare uno studio di registrazione;


Grazie all’isolamento acustico è possibile impedire che le onde sonore generate all’interno si propaghino all’esterno della stanza. Per isolare opportunamente gli ambienti dovrai ricorrere ai materiali fonoassorbenti capaci di assorbire le onde sonore e migliorare la qualità acustica negli interni.

A nostro parere, la soluzione più efficace per limitare l’eco o il rimbombo all’interno di ambienti chiusi è quella di utilizzare dei pannelli fonoassorbenti, in tal modo ridurrai i rumori fastidiosi eliminando ogni vibrazione nell’ambiente. Questi pannelli possono realizzati con materiali con consistenza spugnosa, come la lana di vetro, la lana di roccia, il sughero o materiali truciolati, o con materiali compatti che presentano fori o fessure, ad esempio il legno, il metallo, i materiali plastici, in questo ultimo caso sono indicati per riempire buchi che si trovano all’interno della parete o anche sul pavimento.

In questa breve guida vogliamo aiutarti a capire sia qual è il migliore isolante acustico sia qual è il metodo fai da te più efficace per insonorizzare una stanza ed i relativi costi di realizzazione.

parete-insonorizzata

Come scegliere il miglior isolante acustico

Come già anticipato, tra i materiali isolanti troviamo i pannelli fonoassorbenti che costituiscono la soluzione ideale per isolare acusticamente una stanza e far diventare i rumori provenienti dall’esterno soltanto un ricordo.

Ci sono molteplici tipologie di materiali isolanti, noi prenderemo in considerazione solo quelli più utilizzati ed efficienti:

  • Materiali fibrosi come:
    • la lana di vetro e di roccia: sono materiali minerali, facilmente reperibili, economici ed ecosostenibili. I materiali in lana di roccia sono superiori rispetto a quelli della lana di vetro.
    • il sughero: ideale per garantire un confort termico; è il miglior materiale fonoassorbente in natura perché resiste bene all’usura ed ha un’ottima capacità antivibrante.
    • truciolati in legno: da utilizzare per proteggere le pareti e da preferire soprattutto se hai bisogno di riempire le intercapedini nei muri.

  • Materiali a celle aperte come:
    • il poliuretano espanso: ottimo materiale fonoassorbente per riempire intercapedini dei muri. Generalmente, viene venduto in materassini morbidi ma sempre più spesso sotto forma di schiume, in questo ultimo caso le schiume sono facilmente lavorabili e non necessitano di lavori eccessivi nella casa.
    • la melammina: risulta essere un prodotto ignifugo e da preferire rispetto al poliuretano perché risponde meglio alle esigenze antiincendio.
    • il polistirolo: tale materiale è acquistabile in pannelli e si applicata sia alle pareti che al soffitto.


Nella scelta del migliore isolante acustico devi sapere che l’assorbimento risulta elevato per le frequenze medio-alto, mentre per le basse frequenze dovrai utilizzare spessori di materiale più elevati. Per aumentare l’assorbimento delle onde sonore è necessario, infatti, non limitarsi a scegliere un pannello liscio, ma un pannello ondulato, piramidale o di tipo Keller. Questi ultimi pannelli sono l’ideale per aumentare la superficie a contatto con le onde sonore.

materiale-insonorizzante

Come insonorizzare una stanza con il fai da te e quanto costa farlo

A nostro parere il metodo più efficace per insonorizzare pareti fai da te consiste nel:

  1. Posizionare le traversine di legno sulle mura in modo verticale a distanza di 50 cm l’una dall’altra e con un trapano fissare i fischer e le viti;
  2. Incollare con il silicone i pannelli fonoassorbenti di sughero o con un materiale sintetico in modo verticale sulle traversine di legno facendo attenzione a non lasciare nessuna fessura e lascia passare almeno 4 ore. Per avere una parete liscia realizzare un altro tramezzo in cartongesso;
  3. Inserire i pannelli di sughero anche sul soffitto;
  4. Prendere una tenda da cinema molto spessa e inchiodatela sopra la porta di ingresso della stanza.


I prezzi indicativi per insonorizzare una stanza vanno da 350,00 € a 7’000,00 €. Se non sei pratico del fai da te, la soluzione migliore per insonorizzare una camera è quella di rivolgersi ad un professionista. Puoi richiedere un preventivo gratuito per insonorizzazione.

© immagini:
pixabay.com
graphicstock.com
google.it

GUARDA ANCHE: