Termosifoni, prezzi e vantaggi di ogni materiale

termosifoni-prezzi

Con la stagione fredda ormai alle porte, oggi su CostOK-magazine vogliamo aiutarvi a scegliere i termosifoni per la vostra casa.
I termosifoni (anche detti caloriferi o radiatori) sono il mezzo di riscaldamento che, più della stufa e del camino, si trovano facilmente in tutte le case. È forse considerato questo il mezzo per eccellenza di riscaldamento utilizzato dagli italiani.

Il nostro focus di oggi si concentrerà maggiormente sui termosifoni prezzi e sui vantaggi che possono convincervi a scegliere questo tipo di riscaldamento piuttosto che altri.

termosifone vecchio



style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-2190826148863249"
data-ad-slot="3955112618">

Cosa determina il prezzo termosifoni?

Cominciamo ad elencare tutto ciò che determina ed influisce in maniera determinante il costo dei termosifoni.
Come per molti altri strumenti di riscaldamento, i termosifoni prezzi variano a seconda del variare dei fattori che costituiscono il pregio del termosifone.
Un termosifone di più alta qualità sarà ovviamente più costoso di un termosifone di bassa qualità.

A determinare la qualità o meno di un termosifone e quindi anche il suo costo, vi è quindi come primo fattore il materiale di cui essi possono essere composti:

  • termosifoni in ghisa;
  • termosifoni in acciaio;
  • termosifoni in alluminio;


Molto determinante è anche la grandezza e il design del termosifone, che può essere molto innovativo, quindi adatto anche ad ambienti “particolari” e costituire un vero e proprio elemento di arredo.

Come sapranno tutti coloro che hanno un termosifone in casa, esso non si compra in un singolo blocco, ma bensì viene assemblato dall’unione di vari elementi, il cui numero è variabile a seconda delle esigenze del cliente.

Il numero di elementi da comprare viene determinato soprattutto da alcune cose, ovvero:

  • dalla temperatura media dell’ambiente;
  • dall’ usura degli infissi (che potrebbe causare penetrazioni di correnti di aria);
  • spessore delle pareti;
  • materiale costitutivo dell’ambiente;
  • grandezza dell’ ambiente;


Secondo questi fattori, possiamo dire che valgono questi assunti: più è grande e vecchio l’ambiente più le pareti e gli infissi sono sottili e precari. Quindi, quanto più l’ambiente è poco termoisolante, maggiore sarà la necessità di un buon riscaldamento e maggiore dovrà essere il numero di termosifoni necessario richiesto per riscaldare l’ambiente.

I 3 tipi di termosifoni

Per quanto riguarda le tipologie di termosifoni presenti in commercio, è possibile individuare principalmente tre tipi di termosifoni a seconda del materiale col quale sono stati prodotti. Si tratta dei:

  • termosifoni in ghisa;
  • termosifoni in alluminio;
  • termosifoni in acciaio;


Questi tre materiali hanno un peso e una conduzione del calore differente. Scopriamo per ogni tipo di termosifone le caratteristiche principali:

  • Il termosifone in ghisa è un tipo di calorifero molto utilizzato nelle case ed è una soluzione ideale per risparmiare energia.
    La ghisa infatti è un materiale che ci mette parecchio a scaldarsi ma che è in grado di “immagazzinare” calore e di rilasciarlo pian piano in maniera molto più lenta, continua e graduale.
    I termosifoni in ghisa quindi continuano a scaldare anche parecchio tempo dopo che l’impianto di riscaldamento è stato spento;
  • I termosifoni in alluminio hanno caratteristiche opposte rispetto a quelli in ghisa ovvero si scaldano molto velocemente e così come hanno assorbito calore in fretta, lo perdono altrettanto velocemente.
    Tuttavia i termosifoni in alluminio sono molto apprezzati per l’alta lavorabilità di questo materiale che permette di dare ai termosifoni delle forme molto originali ed esclusive.
    I termosifoni in acciaio infine hanno caratteristiche simili a quelle dei termosifoni in alluminio e sono dei caloriferi molto leggeri;
  • L’acciaio è un materiale molto facile da lavorare e quindi anche in questo caso si tratta per lo più di termosifoni dalle forme molto esclusive.
    I termosifoni in acciaio, come del resto i caloriferi in alluminio, sono consigliati in località dove si ricorre al riscaldamento solo per pochi giorni l’anno.

  • Termosifoni prezzi: vediamo quale risulta il più caro

    Un fattore che interesserà tutti coloro che pensano di installare i termosifoni è certamente quello legato al loro prezzo che come avrete capito può variare molto in relazione al tipo di materiale di costituzione.
    Orientativamente, ogni elemento di un termosifone, se preso il classico termosifone in alluminio costa in media circa dieci euro, mentre per un termosifone la posa in opera costa circa quindici euro. Questo tipo sono i più utilizzati per la loro economicità e leggerezza.

    Ad esempio, se in un appartamento si dovessero sostituire dei termosifoni, ma l’impianto fosse perfettamente efficiente, bisognerebbe moltiplicare il costo di ogni singolo elemento per il numero di elementi che si intende installare ed eventualmente moltiplicare anche per il costo della posa in opera per ogni calorifiro.
    Ricordatevi che anche il costo per lo smontaggio dei vecchi termosifoni incide sul costo finale.

    Se invece di un classico termosifone in alluminio si intende installare degli elementi in ghisa, allora il costo sarà differente.
    Possiamo comunque dire che anche questo tipo di materiale ha un costo che si aggira tra i 10,00 – 15,00 euro per elemento, mentre per i modelli in acciaio il prezzo può arrivare ad essere il doppio.

    valvola termostatica

    Nuovi impianti obbligatori entro il 31 dicembre

    A titolo informativo vi informiamo che la proroga richiesta da molti circa l’adeguamento dei nuovi impianti non è stata concessa. Resta fissata infatti fino al prossimo 31 dicembre la scadenza per adeguare alla normativa 102/2014 i termosifoni dei condomini dotati di riscaldamento centralizzato.

    I termosifoni delle case dovranno infatti possedere una valvola termostatica con contabilizzatore di calore.
    Chi non si adegua alla normativa rischia una multa che può variare da 500 a 2500 euro a seconda della Regione di residenza.

    Occorre dunque affrettarsi, poiché senza proroga i prezzi sono già schizzati alle stelle: ogni famiglia spende in media circa mille euro, seppur ammortizzabili in cinque anni e con detrazioni fiscali pari al 65%.
    Per ogni termosifone la spesa media varia tra i 60 e i cento euro.

    © immagini:
    pixabay.com
    graphicstock.com
    google.it

    GUARDA ANCHE: